Coppa Italia Kart: Napolitano secondo e Carofano 18°

Una giornata da incorniciare per il team sannita di kart ‘Valentino Racing’. Una domenica di grande sport che si è conclusa con uno spettacolare secondo posto e un 18° piazzamento che vale quanto un podio.

Teatro delle gesta è stato il circuito internazionale Valle dei Liri di Arce dove era in programma la Coppa Italia. La squadra sannita è giunta nel Lazio, forte delle buone prove disputate nella stagione in giro per l’Italia, grazie anche alla collaborazione con il colosso mondiale nella costruzione dei telai, Tinini Group.

Un’occasione, quella dello scorso week end, per confrontarsi con piloti professionisti e grandi nomi del panorama internazionale. A sorprendere tutti è stato l’11enne Antonio Napolitano, autore di una prova magistrale nella categoria 60mini. Il giovanissimo driver di Rotondi ha avuto tantissimi problemi nelle qualifiche e, per questo, si è dovuto accontentare di partire dalle ultime file.

Nonostante i guasti e la griglia di partenza, però, non si è perso d’animo e, una volta in pista, cialisfrance24.com ha sfoderato tutta la sua grinta e il grande talento. Napolitano, infatti, è stato capace di una rimonta impressionante grazie a giri record e ad una guida perfetta. All’ultimo lap, poi, l’apoteosi con una staccata al limite e il sorpasso mozzafiato a due piloti che lo hanno catapultato in seconda posizione tra gli applausi dei sostenitori e del pubblico presente.

Prova strepitosa anche per il 15enne Valentino Carofano, in pista con i migliori nella categoria regina 125kz. Il talento telesino è partito dalla 14esima posizione, mettendo alle sue spalle piloti affamati di vittoria. Scattato il semaforo verde, il driver telesino è riuscito a gestire la gara solo per pochi giri, trovandosi a subire varie collisioni e perdendo diverse posizioni importanti. Con grande grinta e concentrazione, però, è riuscito a portare a casa un 18esimo posto meritatissimo e prezioso, in una categoria per lui ancora sconosciuta.

“Sono stati – ha detto Carofano – diciotto giri di pura pressione, ma sono molto contento del risultato ottenuto. Questa categoria è il top: il mio sogno era correre e confrontarsi con questi professionisti. Ringrazio il team che mi ha dato questa possibilità, ma ringrazio soprattutto l’esperto Pasquale Feola, che mi sta seguendo in questo fantastico mondo”. Grande emozione anche per il campioncino Antonio Napolitano che, a fine gara, ha dedicato la medaglia d’argento al nonno, da sempre suo primo tifoso in pista.

Fonte.